Superbonus 110% è legge: cosa sapere

23-07-2020

Con la conversione parlamentare del Decreto Rilancio, il Superbonus 110% è legge.

Vediamo insieme in cosa consiste, soggetti beneficiari delle detrazioni, interventi agevolabili e ultime novità.


Che cos'è


Il Superbonus è un'agevolazione prevista dal Decreto Rilancio che eleva al 110% l'aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, per specifici interventi in ambito di efficienza energetica, di interventi antisismici, di installazione di impianti fotovoltaici o delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

Le nuove misure si aggiungono alle detrazioni previste per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, compresi quelli per la riduzione del rischio sismico (c.d. Sismabonus) e di riqualificazione energetica degli edifici (cd. Ecobonus).

Tra le novità introdotte, è prevista la possibilità, al posto della fruizione diretta della detrazione, di optare per un contributo anticipato sotto forma di sconto dai fornitori dei beni o servizi o, in alternativa, per la cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante.



Soggetti beneficiari del bonus


L'articolo 119 del Decreto Rilancio stabilisce i soggetti beneficiari delle nuove detrazioni fiscali:

  • condomìni

  • persone fisiche, al di fuori dell'esercizio di attività di impresa, arti e professioni, su unità immobiliari; limitatamente all'ecobonus 110%, questi soggetti possono beneficiare della detrazione per gli interventi realizzati su un massimo di due unità immobiliari, fermo restando il riconoscimento delle detrazioni per gli interventi effettuati sulle parti comuni dell'edificioCostruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani.;

  • istituti autonomi case popolari (IACP) per interventi realizzati su immobili di proprietà ovvero gestiti per conto dei comuni, adibiti a edilizia residenziale pubblica;

  • cooperative di abitazioneCostruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani. a proprietà indivisa, per interventi realizzati su immobili dalle stesse posseduti e assegnati in godimento ai propri soci;

  • organizzazioni non lucrative di utilità socialeorganizzazioni di volontariatoassociazioni di promozione sociale;

  • associazioni e società sportive dilettantistiche, esclusivamente per i lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi.

Interventi agevolabili


La detrazione fiscale del 110% è prevista per "interventi di efficienza energetica, sismabonus, fotovoltaico e colonnine di ricarica di veicoli elettrici".

Nello specifico, gli interventi interessati riguardano:

  • Interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento,Impianto per riscaldare un ambiente. il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A, a pompa di calore, inclusi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all'installazione di impianti fotovoltaici o alla microcogenerazione. Il beneficio si applica anche sulle spese di smaltimento e bonifica dell'impianto sostituito;

  • Interventi sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari situate all'interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall'esterno per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti per il riscaldamento,Impianto per riscaldare un ambiente. il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria, a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A, a pompa di calore, compresi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all'installazione di impianti fotovoltaici o alla microcogenerazione, a collettori solari o, esclusivamente per le aree non metanizzate nei comuni non interessati dalle procedure europee di infrazione n. 2014/2147 del 10 luglio 2014 o n. 2015/2043 del 28 maggio 2015 per l'inottemperanza dell'Italia agli obblighi previsti dalla direttiva 2008/50/CE, con caldaie a biomassa aventi prestazioni emissive con i valori previsti almeno per la classe 5 stelle individuata ai sensi del regolamento di cui al decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 novembre 2017, n. 186, nonché, esclusivamente per i comuni montani non interessati dalle procedure europee di infrazione n. 2014/2147 del 10 luglio 2014 o n. 2015/2043 del 28 maggio 2015 per l'inottemperanza dell'Italia agli obblighi previsti dalla direttiva 2008/50/CE, l'allaccio a sistemi di teleriscaldamento efficiente, definiti ai sensi dell'articolo 2, comma 2, lettera tt), del decreto legislativo 4 luglio 2014, n. 102;

L'installazione di pannelli solariI pannelli solari sono dispositivi tecnologici capaci di trasformare l'energia solare in energia utile a diversi scopi. e di colonnine di ricarica rientra nella detrazione del 110% solo se effettuata insieme a uno degli interventi trainanti. Anche gli interventi di riqualificazione energetica tradizionali possono rientrare nel 110% se fatti congiuntamente a uno degli interventi trainanti.


Novità ed esclusioni


Come anticipato, vi è una novità per le case unifamiliari: c'è l'estensione delle detrazioni 110% per tutte le villette a schiera e le seconde case (non più di due).

Il bonus, infatti, può essere applicato alle "unità immobiliari situate all'interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall'esterno". Ciò implica che in un condominio con appartamenti serviti da impianto di riscaldamentoImpianto per riscaldare un ambiente. autonomo non sarà possibile usufruire dell'ecobonus 110% sul cambio della caldaia singola, dal momento che non si può parlare di lavoro condominiale e l'unità immobiliare non è, di fatto, funzionalmente indipendente.

Sono, invece, escluse dalla fruizione del nuovo ecobonus le unità immobiliari appartenenti alle seguenti categorie catastali:

  • A/1 abitazioni di tipo signorile

  • A/8 abitazioni in ville

  • A/9 castelli, palazzi di eminenti pregi storici o artistici

Sconto in fattura e cessione del credito: visto di conformità


Per poter ottenere lo sconto in fattura e la cessione del credito
 è necessario richiedere il visto di conformità dei dati relativi alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione d'imposta. La scelta delle due opzioni deve essere comunicata telematicamente all'Agenzia delle Entrate.

Asseverazione degli interventi


Per accedere ai superbonus 110% e per scegliere le due opzioni per lo sconto in fattura e la cessione del credito è necessario - come anticipato - che gli interventi siano asseverati.

L'asseverazione tecnica degli interventi può essere rilasciata:

  • al termine dei lavori

  • per ogni stato di avanzamento dei lavori, fino a un massimo di 2 e per una percentuale minima del 30% del medesimo intervento

In particolare:

  • per gli interventi interessati dall'ecobonus 110%, i tecnici abilitati asseverano il rispetto dei requisiti previsti e la corrispondente congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati. Una copia dell'asseverazione dovrà essere trasmessa telematicamente all'Enea. Con decreto del Ministro dello Sviluppo Economico, da emanare entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del Decreto Rilancio, saranno stabilite le modalità di trasmissione della suddetta asseverazione e le relative modalità attuative;

  • per gli interventi legati al sismabonus 110%, l'efficacia degli stessi al fine della riduzione del rischio sismico è asseverata dai professionisti incaricati della progettazione strutturale, della direzione dei lavori delle strutture e del collaudo statico, secondo le rispettive competenze professionali, iscritti agli ordini o ai collegi professionali di appartenenza, in base alle disposizioni del decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti n. 58 del 28 febbraio 2017. I professionisti incaricati attestano anche la corrispondente congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati. Il soggetto che rilascia il visto di conformità verifica la presenza delle asseverazioni e delle attestazioni rilasciate dai professionisti incaricati.

Ai soggetti che rilasciano attestazioni e asseverazioni infedeli si applica una sanzione amministrativa che va da 2.000 euro a 15.000 euro per ciascuna attestazione o asseverazione infedele rilasciata.


Tetti di spesa


Durante l'iter parlamentare sono stati definiti nuovi tetti di spesa rispetto a quelli previsti dalla prima formulazione del Decreto Rilancio.

Rispetto alla previsione del decreto sono cambiati i tetti di spesa massimi per i lavori in condominio: per la coibentazione degli edifici si possono ottenere fino a 40 mila euro per unità immobiliare nei condomini da due a otto abitazioni e 30 mila per i condomini da nove abitazioni e oltre.
La versione originale del decreto prevedeva 60 mila euro indipendentemente dal numero di abitazioni.

Sempre per i condomini, scendono anche i tetti per il cambio della caldaia: i 30 mila euro originari sono ora di 20 mila per i condomini da due a otto unità immobiliari e 15 mila euro per gli edifici composti da più di otto unità immobiliari. 

Chi rischia di perdere in maniera significativa rispetto al testo originario sono i condomini medio piccoli e, al loro interno, le case di maggiore dimensione perché il riparto millesimale delle spese rischia di farle "sforare".
Attenzione quindi alla ripartizione millesimale dei costi: chi ha molti millesimi, appurando che non otterrebbe per intero il bonus, potrebbe far venire meno la maggioranza.


Per maggiori informazioni, scarica la Guida completa dell'Agenzia delle Entrate dedicata al Superbonus 110%.


Sei alla ricerca di una nuova casaCostruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani.?

Su Homepal.it potrai cercarla tra oltre 150.000 annunci!





Aggiornato al 28/07/20

Il Team Homepal

Homepal è il primo sito per comprare, vendere e affittare casa con pieno supporto di un'agenzia immobiliare, a costi contenuti.

Facebook | Instagram | Twitter | LinkedIn | 
Pinterest | YouTube
INIZIA ORA LA TUA RICERCA
      Vendita
      Affitto
      Please wait