International Yoga Day | Come fare yoga a casa

21-06-2020

Oggi 21 giugno si celebra la Giornata Internazionale dello Yoga. Vediamo insieme perché proprio oggi, primo giorno d'estate, e come Yoga Festival ha deciso di festeggiare digitalmente questa occasione. Durante la quarantena c'è stato un vero e proprio boom di discipline come la meditazione, lo yoga e il pilates per cercare serenità in un momento così complicato. Abbiamo, quindi, pensato di darti una serie di consigli su come praticarlo in maniera ottimale, comodamente dal tappetino di casaCostruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani. tua!



International Yoga Day

 

Oggi, 21 giugno e primo giorno d'estate, viene celebrato l'International Yoga Day. Infatti, il giorno più lungo dell'anno è stato proclamato dalle Nazioni Unite come Giornata Internazionale dello Yoga nel 2004, quando l'Onu ha riconosciuto che questa disciplina favorisce un approccio olistico alla salute e al benessere, contribuendo così alla propagazione dei suoi benefici. Nel 2016 lo Yoga viene dichiarato Patrimonio Mondiale dell'umanità dall'UNESCO e, attualmente, ha un seguito di 2,5 miliardi di persone in tutto il mondo.

 

Ma perché proprio il 21 giugno? Il solstizio d'estate, riassumendo in breve quanto sostenuto dalla tradizione, è il giorno in cui la natura aiuta i praticanti ad essere maggiormente recettivi.

 

Inoltre, secondo la mitologia e le tradizioni yoga, il giorno della prima luna piena dopo il solstizio d'estate (conosciuto come Guru Purnima), è il giorno in cui Shiva, il guru primordiale, ha iniziato a divulgare la conoscenza dello yoga.


 

L'evento digitale di Yoga Festival

 

In Italia i praticanti di yoga sono circa 2,5 milioni e il numero è in costante crescita. Quest'anno, dovendo rispettare il distanziamento sociale, si celebra l'occasione con il più grande evento yogico online organizzato da Yoga Festival, importantissimo network yogi europeo, fondato da Giulia Borioli, attuale presidente dell'associazione.


L'appuntamento è previsto per oggi, domenica 21 giugno, dalle ore 18, sul web: visibile su yogafestival.it, sulla pagina Facebook YogaFestivalItalia e sul corrispondente canale YouTube.


 

Come riportato nella descrizione dell'evento Facebook, si potrà assistere a una maratona di 4 ore non-stop con i più amati e autorevoli personaggi dello yoga. Quattro ore di incontri, presentazioni, conversazioni, musica e mantra sul tema dello yoga e del momento che viviamo.

 

L'evento sarà gratuito e sarà sufficiente collegarsi dalle ore 18 di domenica 21 giugno sui canali precedentemente indicati e, per chi non riuscisse a partecipare, non c'è da preoccuparsi: l'evento sarà disponibile in streaming per un anno intero.  



Boom per lo yoga a casaCostruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani. in quarantena


Come ben saprai, durante la quarantena abbiamo dovuto modificare molte abitudini e adattarci a una situazione completamente nuova e davvero complessa. In alcuni Paesi, tra cui anche l'Italia, le restrizioni sono arrivate ad essere così estreme da non poter neanche fare quella mezz'ora di jogging all'aria aperta che tanto ci aiutava a liberare la nostra mente dalle fatiche quotidiane. 


Ed è proprio così che il nostro spirito di adattamento ci ha avvicinato a discipline come lo yoga e il pilates, grazie alle quali non solo abbiamo potuto mantenere in allenamento il nostro corpo, ma abbiamo anche parzialmente alleviato l'ansia data dalla reclusione e placato - per quanto possibile - la paura e la preoccupazione per le persone che stavano soffrendo là fuori. 

Prendendo in considerazione esclusivamente l'Italia, gli acquisti online di attrezzi da yoga hanno registrato un incremento del 14% durante il periodo di picco di diffusione del Covid-19, come anche si è registrato un aumento del 35% di partecipazione a corsi online per svolgere attività fisica. 


Photo Credits | Yogi Model Alice Rastelli - Ph. Alessandra Costa 



Come praticare yoga a casaCostruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani.

 

Grazie all'esperienza da yogi maturata da alcuni componenti del nostro team, noi di HomepalHomepal è il primo sito per comprare, vendere e affittare casa con pieno supporto di un'agenzia immobiliare, a costi contenuti. abbiamo deciso di fornirti spunti di riflessione e consigli utili per praticare al meglio questa disciplina.

 

Premessa

 

Come ogni disciplina, anche lo yoga si basa su delle regole fondamentali che devono essere apprese prima di poter iniziare a praticare.
 
Lo yoga, infatti, apporta beneficio al nostro corpo e alla nostra mente solo se praticato nella maniera corretta. Uno dei fondamentali di questa disciplina è l'allineamento tra le varie parti del corpo e molto spesso la nostra percezione di esso si basa su figure "ideali" o video dimostrativi che, però, non tengono in considerazione della fisicità dell'individuo. Per questo motivo è importante affidarsi soprattutto all'inizio a insegnanti qualificati, sfruttando - perché no - i nuovi strumenti digitali.
 
Informati, fai un po' di ricerca online. Qual è il tipo di yoga più adatto a te? Quali sono i tuoi obiettivi? Che cosa significa ?respirazione pranayama??



Photo Credits | Yogi Model Alice Rastelli - Ph. Alessandra Costa 

Le prime lezioni

 

Una volta trovate le risposte alle tue domande, potresti provare un paio di lezioni gratuite promosse da numerosi centri yoga. 
 
La cosa migliore sarebbe partecipare a un ritiro di una settimana o due per vivere una prima esperienza di approccio alla disciplina. Infatti, in questi Yoga Retreat, solitamente si ha la possibilità di partecipare a 2 lezioni al giorno e fare un corso "accelerato" della pratica, sempre nel pieno rispetto dei tempi del proprio corpo.
 
Vedrai, una volta tornato a casaCostruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani. avrai con te gli strumenti necessari per iniziare a coltivare la tua pratica quotidiana, a piccoli passi e con molta costanza i risultati raggiungibili saranno incredibili! 
 
Se, per qualsivoglia motivo non ti sarà possibile prendere parte di persona alle lezioni, ti consigliamo i corsi "in diretta". Ti permetteranno di comunicare in tempo reale con l'insegnante, il quale, seppure da remoto, con la sua esperienza riuscirà a introdurti a questa disciplina. Di lezione in lezione, potrà fornirti preziose informazioni e correggerti nel caso tu stia assumendo una posizione errata e stia arrecando del dolore al tuo corpo. 
 
Se, invece, hai già raggiunto un buon livello, praticare da solo sarà meraviglioso. Il tuo corpo, il tuo ritmo e il tuo tempo di respiro detteranno le regole e nient'altro. 
 
Anche in questo caso, però, è utile fare affidamento su lezioni ? quelle registrate vanno più che bene - per avere, comunque, una guida e non inciampare in errori e cattive abitudini nel movimento che, a lungo andare, possono provocare danni non da poco al nostro corpo

 

Come gestire lo schermo

 

Bisogna ammettere che non è così immediato praticare e controllare sullo schermo se la posizione sia giusta o meno. Se quella che si cerca è la serenità, in realtà così si rischia di trovare più che altro un torcicollo. 

Allora, come ovviare a questo problema

Intanto, dovrai guardare la lezione almeno una volta, come se la volessi studiare. In secondo luogo, dovrai imparare ad ascoltare il tuo corpo e auto-correggere le posizioni sulla base di quanto imparato nelle lezioni con il tuo insegnante. 

Molto utile è fare yoga senza lo specchio davanti. Infatti, come potrai facilmente immaginare, allenarsi davanti allo specchio impigrisce il corpo e lascia fare agli occhi il lavoro di scovare gli errori nella postura.


Photo Credits | Yogi Model Alice Rastelli - Ph. Alessandra Costa 

 

Cosa indossare

 

Puoi vestirti come vuoi, non importerà a nessuno se indosserai l'ultimo completo activewear di Stella McCartney o leggins più economici, perché nessuno ti vedrà. L'unico avviso che vogliamo darti è di indossare t-shirt e canottiere abbastanza aderenti alla tua figura per evitare di trovarti con il viso coperto assumendo alcune posizioni. 

 

Predisponi una felpa e dei calzini o una coperta di fianco al tuo tappetino per la posizione finale della pratica, Savana (posizione del cadavere): potresti avere freddo e in questo modo non dovrai interrompere il momento per cercare degli indumenti per coprirti. 

 

Il tappetino


Per il tappetino
vale la pena investire una giusta somma di denaro. Se è di bassa qualità ti farà scivolare e ti causerà indubbiamente degli acciacchi.

 

Online se ne trovano di tutti i tipi, di materiali eco-sostenibili, con le linee guida per le posizioni, di lunghezze differenti.

 

I fattori da considerare sono il tipo di yoga praticato (statico o dinamico), la sudorazione (poca o abbondante), il comfort vs la stabilità (tappetino più soffice o con più presa al suolo).

 

Abbiamo selezionato questo contenuto di Reyoga come guida nell'acquisto dello yoga mat più adatto a te.



Photo Credits | Yogi Model Alice Rastelli - Ph. Alessandra Costa 

 

L'incenso


"No incenso, no yoga!".
Senza incenso la pratica perde quel magico profumo orientale di cui c'è assolutamente bisogno per entrare in uno stato di concentrazione e consapevolezza del proprio corpo.

 

Solo una raccomandazione, posizionate l'incenso con il suo porta-incenso in modo che il fumo non arrivi diretto verso il volto perché potrebbe infastidire il respiro durante il movimento.

 

Ti proponiamo qui i migliori incensi di quest'anno, a te la scelta.



Photo Credits | Yogi Model Alice Rastelli - Ph. Alessandra Costa 

 

La musica

 

Secondo alcuni testi antichi, lo yoga, come da tradizione, dovrebbe essere fatto senza musica, in quanto considerata elemento di disturbo alla concentrazione sull'ascolto del respiro e sulle sensazioni del corpo durante la pratica. Infatti, il respiro stesso e i rumori, a volte davvero fastidiosi, dell'ambiente che ci circonda diventano suono e musica e, in questo modo, ci abituano ad accettarli e a mitigare lo stress che provocano.

 

Il nostro suggerimento è quello di praticare senza musica fino al momento finale in cui ci si posiziona in Savana.

Campane tibetane, canti indiani, suoni della natura, indian chillout o musica sperimentale elettronica, non fa differenza. Preparati il tuo sound preferito per l'occasione, in grado di farti rilassare e trasmetterti benessere, prima di iniziare a praticare. Dovrai solo schiacciare play al momento giusto e goderti la tua Savasana finale.


Photo Credits: Marcuv Veda Yoga - Soundcloud



Vantaggi della pratica home-made


Concludendo, praticare yoga a casaCostruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani. presenta degli indubbi vantaggi, tra cui la possibilità di praticare in qualsiasi momento, senza vincoli di orari e spostamenti. Tra gli impegni vari cerca di trovare un momento nell'arcoElemento architettonico orizzontale che viene appoggiato, incastrato o incorporato su due elementi portanti (piedritti). della tua giornata in cui dedicare anche solo 15 minuti alla pratica.


In più, se durante la pratica non ti sentirai nel pieno delle tue forze, potrai stopparti e fare una pausa prima di riprendere, senza avere addosso gli occhi indiscreti della classe o dell'insegnante. 

Ultimo ma non meno importante vantaggio, è sicuramente il lato economicopraticare a casaCostruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani. al giorno d'oggi, con la vastità di corsi gratuiti e canali Youtube dedicati presenti online, è praticamente gratuito, se non consideriamo il costo di reperimento del materiale necessario. 

 

Che aspetti? Lasciati ispirare nella tua pratica home-made!

 
 

Linkografia

Alessandra Costa

Costantemente alla ricerca di bellezza imperfetta, soprattutto quando si tratta di insegne neon di negozi improbabili. Riempio il mio tempo libero con tanta musica, film/serie tv, riviste di moda, mostre d'arte contemporanea e yoga. Mi diverto a fingermi pittrice occasionale di cartoline, scrittrice romantica di epoche lontane e critica gastronomica di cibo orientale.
INIZIA ORA LA TUA RICERCA
      Vendita
      Affitto
      Please wait