Decreto Rilancio: tutte le agevolazioni fiscali per la casa e le attività commerciali

19-05-2020

Dopo i primi interventi di contenimento della crisi previsti dal Decreto "Cura Italia", il Governo ha stanziato ulteriori 155 miliardi di euro con il Decreto Rilancio. Il decreto, compostoInsieme di composti appartenenti a differenti famiglie chimiche. da 250 articoli, prevede una serie di misure che hanno l'obiettivo di sostenere l'economia del Paese.

Degni di nota gli interventi riguardanti il residenziale, l'edilizia, le attività commerciali e le locazioni.


Tra questi, spicca il bonus pensato per l'edilizia: Ecobonus 110 per cento, tramite il quale sarebbe possibile ottenere una detrazione fiscale sulle spese di efficientamento energetico e riduzione del rischio sismico, in misura superiore rispetto al costo.
Tale strumento permetterebbe di usufruire di una sovra-detrazione fiscale pari al 110% del costo sostenuto per i lavori di riqualificazione energetica e adeguamento sismicoper gli interventi effettuati dal 1° Luglio 2020 al 31 Dicembre 2021.

Vediamo nel dettaglio le misure più importanti, iniziando da quest'ultima.


ECOBONUS 110%


Come anticipato, Ecobonus 110 per cento consiste in un'agevolazione fiscale del 110% per le spese sostenute fra il 1° luglio 2020 e il 31 dicembre 2021, che andrà a coprire gli importi riferibili ai seguenti interventi:

- Efficientamento energetico
Rientrano in questo ambito:

a- interventi di isolamento termico delle superfici esterne opache, verticali e orizzontali, per almeno un quarto della superficie totale - il cosiddetto cappotto termico - nel limite di 60mila euro per singola abitazione.Costruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani. Nel caso in cui i lavori siano fatti da enti condominiali o istituti, il limite viene moltiplicato per il numero complessivo degli appartamenti interessati;
b- sostituzione della caldaia con impianti centralizzati a condensazione, con un tetto massimo di 30mila euro per singola abitazione,Costruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani. comprensivo delle spese per lo smaltimento e la bonifica dell'impianto sostituito, moltiplicato per tutte le unità abitativa per gli istituti e gli enti condominiali;


- Installazione di impianti fotovoltaici

- Rafforzamento delle strutture e riduzione del rischio sismico

- Installazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici

Questo bonus viene riconosciuto per interventi sulle prime case e sui condomini; viene suddiviso in 5 rate di pari importo. Viene inoltre prevista la possibilità di cedere il credito che viene maturato alla banca o di richiedere uno sconto in fattura all'impresa che realizzerà i lavori.

In merito alle seconde case, restano esclusi gli edifici unifamiliari che non siano abitazioneCostruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani. principale, come ville e villette unifamiliari che non siano prima casa,Costruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani. per esempio.

Rientreranno invece nel beneficio al massimo livello le seconde case che fanno parte di un condominio.

Documentazione

Sulla documentazione necessaria per richiedere l'attivazione dell'ecobonus non dovrebbero esserci differenze rispetto a quanto già previsto per gli stessi interventi.
Perciò, per poter usufruire dell'ecobonus saranno necessari:

- Dichiarazione di conformità rilasciata dal direttore dei lavori o da un tecnico abilitato, in cui si certifica che l'intervento è conforme ai requisiti tecnici richiesti
- Scheda informativa sugli interventi realizzati
- Attestato di prestazione energeticaQuantità di energia annua necessaria all'edificio per climatizzazione, acqua calda, ventilazione e illuminazione. (APE), emesso dopo l'esecuzione dei lavori.
L'attestazione non è obbligatoria per i seguenti interventi:

1. sostituzione di finestre e infissiOpera di finitura di un edificio destinata alla chiusura di vani. in singole abitazioni e installazione di pannelli solariI pannelli solari sono dispositivi tecnologici capaci di trasformare l'energia solare in energia utile a diversi scopi. per la produzione di acqua calda
2. sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione
3. acquisto e installazione di schermature solari e chiusure oscuranti
4. installazione di impianti di climatizzazione con generatori di calore a biomasse combustibili, se le detrazioni sono richieste per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale
5. acquisto e installazione di dispositivi multimediali (per ulteriori dettagli su questo punto sarà necessario attendere indicazioni dall'Agenzia )

Per gli interventi appena elencati non è direttamente prevista l'applicazione della sovradetraibilità al 110%. Il regime ordinario di detraibilità per tali interventi, difatti, prevede un'aliquota variabile tra il 50% e il 65% in base alla tipologia. Tuttavia, se vengono attuati con altri interventi strutturali, la detraibilità può arrivare sino al 110%.

Limitazioni

In merito alla sostituzione degli elementi non strutturali che influenzano l'efficienza energetica (tende da sole, infissi,Opera di finitura di un edificio destinata alla chiusura di vani. serramenti, impianti di aria condizionata...) il Governo, pur non modificando la percentuale di detraibilità finora applicata, variabile dal 50 al 65%, prevede che sia possibile usufruire della sovra-detrazione qualora tali lavori siano associati ad almeno uno degli interventi direttamente previsti dal Decreto.

Inoltre, con tali interventi il richiedente dovrà ottenere un miglioramento nell'efficienza energetica pari ad almeno due classi, certificabile tramite Attestato di Prestazione EnergeticaQuantità di energia annua necessaria all'edificio per climatizzazione, acqua calda, ventilazione e illuminazione. (c.d. APE) rilasciato da apposito certificatore.


BONUS AFFITTI PER ATTIVITA' COMMERCIALI


Per sostenere le imprese, colpite dall'emergenza sanitaria e dalla quarantena, il Governo ha previsto una riduzione delle bollette elettriche per i mesi che vanno da maggio a luglio 2020. Prevista, inoltre, un'agevolazione sui canoni di locazione per le attività che hanno subito fra marzo, aprile e maggio una diminuzione del fatturato di almeno il 50% rispetto allo stesso mese del periodo d'imposta precedente. Per questi soggetti, il decreto prevede un credito di imposta del 60% dell'ammontare mensile del canone di locazione di immobili destinati allo svolgimento dell'attività.

Al momento non è stata ancora pensata una misura analoga riguardante le locazioni degli immobili residenziali.


IMUImposta municipale patrimoniale a carico del proprietario dell'immobile. 2020 - AGEVOLAZIONI PER ALBERGHI E STRUTTURE RICETTIVE


Il Decreto ha introdotto importanti novità anche per l'IMUImposta municipale patrimoniale a carico del proprietario dell'immobile. 2020: la sospensione della prima rata dell'Imposta Municipale Unica per gli alberghi e le strutture ricettive - che rientrano fra le realtà più colpite dall'emergenza Covid-19 -, mentre l'ImuImposta municipale patrimoniale a carico del proprietario dell'immobile. sulla seconda casaCostruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani. resta in vigore per le altre categorie (compresi i contribuenti privati).


Scarica QUI il testo del decreto Rilancio pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

Linkografia:

Ecobonus 110: le novità nel Decreto Rilancio  | FISCOeTASSE.com

Decreto Rilancio: il Superbonus al 110% per lavori in casa - WallstreetItalia.com

Ecobonus 110 per cento, ossigeno per le imprese edili - Il Resto del Carlino
 




Aggiornato al 21/05/2020

Il Team Homepal

Homepal è il primo sito per comprare, vendere e affittare casa con pieno supporto di un'agenzia immobiliare.

Facebook | Instagram | Twitter | LinkedIn | 
Pinterest | YouTube
INIZIA ORA LA TUA RICERCA
      Vendita
      Affitto
      Please wait