Bonus Verde: cos'è, come funziona

07-04-2021

In cosa consiste il bonus verde, qual è l'importo massimo consentito ai fini dell'agevolazione fiscale, in quanti anni si recupera e qual è la scadenza prevista. Quali sono gli interventi e le spese ammesse e cosa devono riportare le fatture. Il bonus verde e le sue applicazioni in condominio e sulla singola abitazione.Costruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani. Pagamenti tracciabili e altra documentazione da conservare per eventuali successivi controlli. Altre informazioni: cosa succede in caso di vendita dell'immobileCostruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani.? Il bonus verde è solo per la "prima casaCostruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani."?



 

Ne avevamo accennato al punto 7 di un post precedente, in cui si elencavano i Bonus CasaCostruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani. inseriti nella Legge di Bilancio 2021. Oggi vogliamo dare maggiori informazioni proprio sul bonus verde: in cosa consiste precisamente? Per quali lavori è ammesso e a chi è rivolto?

Ricordiamo che si tratta della detrazione Irpef del 36% sulle spese sostenute per la sistemazione a verde degli spazi all'aperto di immobili esistenti che hanno destinazione d'usoCos'è la destinazione d'uso. abitativa.

Questa agevolazione:

  • si applica su un importo massimo di 5.000 euro per ciascuna unità immobiliare abitativa;

  • si recupera in 10 anni, in altrettante rate di pari importo.

Pertanto, il massimo risparmio possibile sarà il 36% di 5.000 euro, quindi 1.800 euro suddivisi in 10 rate da 180 euro.



Attenzione: per questa agevolazione non è possibile usufruire, in alternativa alla detrazione, dello sconto in fattura o della cessione del credito previsti per altri bonus.

Il tetto massimo è riferito a ciascuna unità immobiliare per cui, per gli interventi sulle parti comuni dei condomini, si dovrà moltiplicare per il numero di unità abitative.

I beneficiari dell'agevolazione, cioè chi può usufruire della detrazione, sono tutti coloro che detengono l'immobileCostruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani. sulla base di un titolo idoneo. Sono, quindi, non solo proprietari, nudi proprietari o usufruttuari, ma anche inquilini e comodatari, purché ovviamente abbiano sostenuto le relative spese.



Bonus verde: quali i lavori ammessi alla detrazione

I lavori devono riguardare spazi come giardini, balconi e terrazzi e quindi non comprendono le piante da appartamento.Aggregato di più camere che compone un'abitazione libera e separata dal resto della casa/palazzo. Possono includere invece, oltre alla piantumazioneLa piantumazione consiste nell'azione di seminare piante arboree in giardini o viali. delle specie vegetali, anche:



Tra le spese detraibili rientrano quelle per un'eventuale progettazione e quelle per la difesa fitosanitaria (quindi da parassiti pericolosi, come ad esempio il punteruolo delle palme o la processionaria dei pini) di alberi secolari o di pregio paesaggistico, monumentale o storico-culturale.



Gli interventi devono riguardare l'intera areaSuperficie limitata di terreno o di spazio. interessata e possono consistere nella risistemazione di aree verdi già esistenti o nella realizzazione di nuove, ma sempre in edifici esistenti.

Non è agevolata invece la manutenzione periodica di giardini e piante esistenti, né i lavori realizzati in economia (fai da te), per il solo acquisto dei materiali.



Pagamenti tracciabili e documenti

Per ottenere il bonus, i pagamenti dovranno essere effettuati con una modalità tracciabile. Vanno bene quindi bonifici (anche ordinari, non necessariamente parlanti), assegni, bancomat e carte di credito.

Occorre poi conservare copia sia dell'attestazione di pagamento che della fattura o scontrino, per poterli esibire in caso di controlli da parte dell'Agenzia delle Entrate.

In fattura deve essere riportata una descrizione dell'intervento tale da poterlo ricondurre tra le fattispecie agevolate.



Altri aspetti da tenere in considerazione

Ma cosa succede in caso di vendita o comunque trasferimento dell'immobileCostruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani. per il quale si sta usufruendo del bonus verde? Come avviene per il bonus ristrutturazione,Complesso delle operazioni necessarie alla trasformazione, parziale o totale, di un organismo edilizio. le rate residue si trasferiscono automaticamente all'acquirente, salvo diversi accordi tra le parti. In pratica, se il venditore intende continuare a usufruirne, dovrà mettere per iscritto tale intenzione nell'atto di trasferimento.

Il bonus non è invece legato in alcun modo al concetto di "prima casaCostruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani.". E' possibile quindi usufruirne per qualsiasi immobileCostruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani. di tipo abitativo, e anche per più alloggi se se ne possiede più di uno.

Per gli appartamenti in condominio, è possibile usufruire di un bonus per gli interventi sulle parti comuni e per uno sulle singole unità abitative.

La scadenza attualmente prevista per questa agevolazione è fissata al 31 dicembre 2021.


Per approfondire

Pagamenti tracciabili 

Agenzia delle Entrate - Bonus verde 

Gazzetta Ufficiale - Legge di Bilancio 2021

Il Team Homepal

Homepal è il primo sito per comprare, vendere e affittare casa con pieno supporto di un'agenzia immobiliare.

Facebook | Instagram | Twitter | LinkedIn | 
Pinterest | YouTube | Telegram
INIZIA ORA LA TUA RICERCA
      Vendita
      Affitto
      Please wait