PMI e startup innovative: l'appello a Gualtieri

20-04-2020

Garanzia statale al 100% sull'erogazione di prestiti bancari, incentivi ai nuovi investimenti da realizzare entro il 30 ottobre 2020 e sospensione di tutti i pagamenti relativi a IVA e tasse per l'intero anno 2020. È quanto Andrea Lacalamita, Founder e CMO di HomepalHomepal è il primo sito per comprare, vendere e affittare casa con pieno supporto di un'agenzia immobiliare, a costi contenuti., chiede a favore di startup e piccole e medie imprese innovative al Ministro dell'Economia Roberto Gualtieri.

In un appello «nato dal basso» su LinkedIn, sottoscritto da circa 160 imprenditori dell'innovazione e consegnato al ministro la scorsa settimana, Lacalamita evidenzia come il settore sia «un punto di attenzione per il Paese che sconta, purtroppo anche in quest'ambito, un ritardo rilevante nella competizione internazionale». 


Uno sguardo al panorama italiano


Le startup e le PMI innovative in Italia sono circa 13 mila e occupano circa 60 mila persone di cui 48 mila sono soci di capitale delle aziende. Per il 20% sono fondate da giovani sotto i 35 anni. Il 52,3% di queste società è in perdita, dato fisiologico di società appena nate. 

Per affrontare la crisi Covid-19 ed evitare il collasso del sistema startup italiano, sono necessari aiuti statali semplici, concreti e immediati. Rispetto al DPCM "Cura Italia", le aziende richiedono «l'adozione di ulteriori provvedimenti specifici, senza i quali almeno il 40% delle startup non supererà la fase critica».


Le misure riportate nella lettera


Le misure individuate sono:


1. Garanzia statale al 100% per l'erogazione di prestiti o agevolazioni finanziarie a PMI e a startup innovative pari al massimo valore tra il 25% del fatturato e il totale dei costi sostenuti nel 2019. 

2. Detrazione fiscale al 65% per tutti gli investimenti in PMI e startup innovative fino ad un massimo di 1 milione di euro, per investimenti effettuati entro il 30 ottobre 2020. 

3. Sospensione di tutti i pagamenti relativi ad IVA e tasse, per l'intero anno 2020. Azzeramento di tutti i contributi.

4. Mantenere attivi gli uffici che gestiscono autorizzazioni presso Regulator o Camere di Commercio.


5. In caso di assunzione di personale o di reintroduzione dalla cassa integrazione, azzeramento dei contributi per tutto l'anno 2020. 


Quanto al settore immobiliare «l'impatto delle conseguenze economiche dell'epidemia è inevitabile - afferma Andrea - ma sarà più contenuto rispetto al crollo del 2013, a patto che la fase 2 venga gestita con ordine e il lockdown non duri troppo a lungo».

Il Team Homepal

Homepal è il primo sito per comprare, vendere e affittare casa con pieno supporto di un'agenzia immobiliare.

Facebook | Instagram | Twitter | LinkedIn | 
Pinterest | YouTube
INIZIA ORA LA TUA RICERCA
      Vendita
      Affitto
      Please wait