Area

Area
à·re·a

dal latino area, prima metà sec. XIV, sostantivo femminile, aia, spiazzo, arena, area, cortile.Area scoperta compresa in un edificio.

I latini definivano con la parola Area tutti quei luoghi liberi e piani nella città, sullo stile dello square inglese, solitamente circondanti templi e palazzi, oppure vere e proprie piazze e spazi liberi nei campi.
Nel linguaggio odierno la parola area assume diversi significati, vediamoli insieme.
La prima definizione di Area è regione di piano determinata, superficie circoscritta destinabile a particolari fini.
  • Area fabbricabile, spazio di terreno utilizzabile per la costruzione di edifici;
  • Area pubblica, qualsiasi strada o piazza o porzione di suolo di proprietà comunale, provinciale o demaniale, aperta al pubblico e concessa talora allo svolgimento di attività commerciale.
  • Area di attesa, zona destinata dall'autorità comunale alla raccolta di cittadini rimasti vittime di gravi calamità naturali.
  • Area di servizio, spazio nel quale sono installati i vari servizi di rifornimento per le auto e di ristoro per i passeggeri.
Poi, Area è lo spazio geografico interessato dallo svolgimento o dalla presenza di un fenomeno fisico, culturale, linguistico, economico, biologico, ecc.

  • Area sismica, quella in cui più frequentemente hanno luogo movimenti sismici;
  • In meteorologia: area ciclonicaarea anticiclonica, zona di bassa o alta pressione atmosferica;
  • In linguistica: area romanza, la cosiddetta Romània, l'area in cui da un comune fondamentale strato latino derivarono le cosiddette lingue romanze (Penisola Iberica, Francia, Italia, il Ticino e i Grigioni, alcune zone costiere della Dalmazia e la Romania);
  • In economia: area monetaria, il complesso dei paesi in cui le contrattazioni internazionali si svolgono nella sola unità monetaria del paese politicamente ed economicamente più forte, alla quale sono ancorate le valute degli altri paesi;
  • Area euro, il complesso dei paesi dell'Unione europea che utilizzano come unità monetaria l'euro;
  • Area di libero scambio, gruppo di paesi tra i quali sono in vigore accordi tariffari e doganali che facilitano lo scambio di beni e servizi;
  • Area depressa, economicamente arretrata;
  • Area superattiva, caratterizzata da intensa attività, accumulazione di capitale, sviluppo del credito, ecc. (in contrapposizione ad area depressa);
  • In biogeografia: area di diffusione (o area di distribuzione ), la superficie geografica su cui risulta distribuita una data specie animale o vegetale;
  • Area commerciale, il territorio che fa capo a un centro urbano di notevole importanza sul piano dei consumi e degli acquisti;
  • Area metropolitana, spazio urbano ampliato e unificato sul piano dei servizi e delle risorse.
Nello sport, è la zona di un campo di gioco opportunamente delimitata.
  • Nel rugbyarea di meta, quella retrostante la linea di meta nella quale va effettuato il toccato per fare punto;
  • Nel calcio e in altri sport a squadre: area di porta, quella rettangolare antistante la porta;
  • Nel calcio: area di rigore, quella più ampia, comprensiva della precedente, nella quale i falli intenzionali sono puniti col calcio di rigore;
  • Nella pallacanestroarea di tiro libero, quella da cui il giocatore che ha subìto fallo personale tira al canestro avversario.

Misura di una superficiepart., il rapporto fra questa e un'altra superficie assunta come unità di misura.

In informatica: area di memoria, parte della memoria di un elaboratore utilizzata per la registrazione dei dati.

Settore di opinione politica o ideologica o di militanza partitica."i paesi dell'a. comunista"

In anatomia, parte di una struttura anatomica che si distingue dalle altre limitrofe per morfologia o per specifiche funzioni.
INIZIA ORA LA TUA RICERCA
      Vendita
      Affitto
      Please wait