Acciaio Inossidabile

Gli acciai inossidabili, detti anche "acciai inox" dal francese inoxydable, sono leghe di ferro caratterizzate dall'aggiunta di nichel,Metallo duttile, color argento, facilmente deformabile per stampaggio (laminazione o forgiatura), duro se incrudito e con buona resistenza alla corrosione. cromo e altri elementi che contribuiscono a conferire all'acciaio una notevole resistenza alla corrosione, soprattutto in aria umida o in acqua dolce.  

Infatti, rispetto agli acciai al carbonio, nella legaL'alluminio fa parte delle cosiddette "leghe leggere", insieme al magnesio, che presenta una densità e quindi un peso inferiore, e al titanio che pesa quasi il doppio dell'alluminio. degli acciai inossidabili è presente il cromo, capace di ricoprirsi di uno strato sottile e aderente di ossidi che protegge la superficie del metallo dall'ossigeno e dagli agenti chimici esterni. 
Il contenuto minimo di cromo "libero", ossia non combinato al carbonio, per cui un acciaio si può ritenere Inossidabile (o Inox o Stainless oppure Rostfrei) è il 10,5% per cui poter avere la formazione dello strato di ossido necessario a proteggere dalla corrosione. Tendenzialmente, i valori di cromo nella legaL'alluminio fa parte delle cosiddette "leghe leggere", insieme al magnesio, che presenta una densità e quindi un peso inferiore, e al titanio che pesa quasi il doppio dell'alluminio. si aggirano intorno al 12-17%. 

STORIA

Sono stati gli inglesi Woods e Clark nel 1872 a scoprire l'acciaio inossidabile, brevettando una legaL'alluminio fa parte delle cosiddette "leghe leggere", insieme al magnesio, che presenta una densità e quindi un peso inferiore, e al titanio che pesa quasi il doppio dell'alluminio. di ferro contenente il 35% in peso di cromo. Nel 1913 Harry Brearley sperimentò acciai per armi da fuoco e scoprì che un suo provino di acciaio con il 13-14% di cromo e con un tenore di carbonio relativamente alto (0,25%) non si arrugginiva se esposto all'atmosfera. Questa novità tecnologica venne nominata pubblicamente per la prima volta nel 1915 in un articolo del New York Times circa l'utilizzo di questo acciaio per la posateria, elogiandone la resistenza alla corrosione perfino a contatto con gli acidi contenuti nel cibo. Tra gli anni '40 e '60 vi sono stati successivi progressi che hanno ampliato lo sviluppo dell'acciaio inox e delle sue applicazioni. Ancora oggi vengono lavorati, studiati e perfezionati in base alle richieste dei vari settori industriali.


Gli acciai inossidabili vengono, perciò, selezionati per l'elevata resistenza alla corrosione, per la resistenza meccanica e per la facilità di lavorazione. 

TIPOLOGIE DI ACCIAIO INOX

Gli acciai inox si dividono in tre grandi famiglie:

Oltre a queste tre categorie esistono anche altre tre famiglie per impieghi più specifici:

 

INIZIA ORA LA TUA RICERCA
      Vendita
      Affitto
      Please wait