A Milano la "First Class" è di Casa

18-05-2018
Milano è la global city italiana, che più di tutte è in grado di attrarre capitali anche dall'estero con la crescita dei servizi e delle infrastrutture, e le importanti trasformazioni urbanistiche in atto che ne fanno il mercato immobiliare più evoluto e liquido del Paese.
In questo contesto è in forte sviluppo il segmento delle residenze di pregio definite "First class" (con un valore superiore a un milione di euro): la crescita degli scambi nel 2017 è stata vicina al 20%, contro un aumento generale delle compravendite residenziali in città del 12,2%.

Questi sono alcuni dei dati emersi questa settimana a Milano nel corso della presentazione della prima edizione del rapporto "Vivere alla grande a Milano - Una nuova domanda residenziale first class", realizzato da Scenari Immobiliari in collaborazione con Sigest

La quotaMisura reale dell'oggetto edilizio rappresentato nel disegno, sia esso rappresentato in pianta, sia in sezione, sia in prospetto delle abitazioni di pregio compravendute a Milano è ormai stabilmente al di sopra dell'8% sul totale delle transazioni avvenute. In particolare, fra il 2016 e il 2017 si è intensificata la domanda per acquisto e per locazione di immobili di pregio con un corrispondente incremento del numero dei contratti stipulati.

Anche a livello nazionale il mercato delle residenze di pregio ha fatto registrare un trend positivo: nel 2017 le compravendite sono passate dalle 15mila unità del 2016 alle 17mila del 2017, con un incremento del 13,3%, superiore rispetto alla media del mercato.

Si tratta di un mercato di nicchia, legato ad un ristretto numero di prodotti che negli ultimi tre anni, dal punto di vista delle compravendite, ha interessato circa il 3% dei volumi totali di scambi effettuati in tutto il Paese, per un totale di 17 mila unità immobiliari scambiate. 

"La novità che sta emergendo con sempre più forza sul mercato milanese
 - ha affermato Mario Breglia, presidente di Scenari Immobiliari - è che le aree su cui la domanda di fascia alta si indirizza si stanno modificando. Lo sviluppo dell'offerta di nuove abitazioni in città ha di fatto cambiato la struttura del mercato degli immobili first class, che oggi corre su un doppio binario. Da un lato ci sono le residenze storiche in location consolidate, come il cosiddetto Quadrilatero della moda, dall'altro le residenze moderne realizzate negli ultimi anni che, sono spesso inserite in location alternative ma di tendenza, come la zona Tortona, e che contribuiscono all'evoluzione della città, come i progetti più conosciuti a livello internazionale di Porta Nuova, City Life e Porta Vittoria".  "Il mercato residenziale milanese first class si sta consolidando quale nuovo asset class per i sempre più numerosi investitori nazionali e internazionali che si affacciano sulla città più europea d'Italia."  - commenta Vincenzo Albanese, ceo Sigest. 

La leadership di Milano come principale destinataria di investimenti nazionali e internazionali continua a confermarsi con il passare degli anni.
Tra il 2010 e il 2017 gli investimenti immobiliari complessivi a livello nazionale sono stati pari a oltre 38,8 miliardi di euro, di cui circa 16 miliardi (il 41%) concentrati nella città metropolitana di Milano. Il peso di Milano sul totale degli investimenti immobiliari in Italia su base annua è cresciuto, passando dal 26,7% del 2010 al 49% del 2017, a fronte di un volume totale di investimenti salito nello stesso periodo da 1,5 a 9,8 miliardi di euro.
La conferma che Milano è più vicina all'Europa di tutte le altre città italiane, arriva anche dal rinnovato interesse dei grandi player finanziari mondiali che hanno riacceso i fari sul mercato residenziale milanese, dopo anni di buio totale.  

Tra le caratteristiche principali degli immobili first class a Milano, continuano a rimanere in cima ai desideri dei compratori il piano alto, la presenza di un ampio terrazzoSpazio calpestabile sporgente, a sbalzo dalla facciata di un edificio. , il garage doppio o triplo, gli affacci panoramici e possibilmente sul verde e per ultima la location, che gioca sempre un ruolo importante ma non più fondamentale. Vi sono poi altri due indicatori molto interessanti che danno un'idea precisa del buono stato di salute del mercato delle nuove residenze di pregio a Milano: i tempi di vendita e gli "sconti" applicati ai prezzi. Per quanto riguarda le tempistiche, in oltre il 50% dei casi non si superano i quattro mesi dal momento in cui l'immobileCostruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani. viene messo sul mercato, altrimenti si arriva ad un massimo di dieci mesi, per una media quindi di circa sette mesi. Lo sconto applicato in media non supera il 3/5% mentre sul prodotto usato siamo ancora al di sopra del 7,5%. Gli acquirenti stranieri sono stimabili in circa il 7% del totale.

La qualità dell'edificioCostruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani. e i nuovi servizi legati alla residenza di pregio stanno attirando una larga fetta di domanda. L'evoluzione dell'offerta delle nuove abitazioni di categoria first class è partita non solo dalla migliore qualità dei materiali ad alto risparmio energetico che costituiscono l'ossatura dell'edificio,Costruzione adibita specialmente ad abitazione, suddivisa in stanze o in appartamenti ed eventualmente in piani. ma anche dalla gamma di spazi comuni e servizi offerti all'acquirente. Ed è così che anche a Milano, come nel resto del mondo, negli ultimissimi anni si è andata a consolidare sempre di più la tendenza a creare un'offerta di nuove residenze di pregio dotate di una serie di servizi esclusivi dedicati ai loro abitanti. Come la figura del "concierge" di palazzo, una sorta di portinaio ?4.0? multilingue e dal profilo molto elevato.